Info: +39 0721 482733

Via Gagarin, 173 Pesaro

Lun/Ven: 09:00 - 18:00

Assistenza e Informazioni

Finanziamenti Agevolati

Approfitta degli Incentivi

Detrazioni fiscali per il risparmio energetico: come ottenerle

detrazioni fiscali per risparmio energetico

Questo è il periodo dell’anno in cui si procede solitamente alla riaccensione della propria caldaia domestica in configurazione invernale. In ragione di ciò vengono effettuati gli opportuni controlli sull’impianto in modo da verificarne il correto funzionamento. Nel caso in cui non si soddisfino determinati requisiti di sicurezza e di efficienza energetica può essere necessario sostituire la vecchia caldaia con una nuova a condensazione. Quest’ultimo tipo di caldaie, tra l’altro, permette all’utente di usufruire di detrazioni fiscali per il risparmio energetico. Cosa prevede l’attuale legislazione italiana in merito? Vediamo in dettaglio.

Tipi di incentivo e detrazioni fiscali per il risparmio energetico

Come molti di voi già sapranno, due sono le scelte possibili: la detrazione al 50% per ristrutturazioni edilizie che prevedono anche la sostituzione dell’impianto di riscaldamento con uno più efficiente; e quella al 65% per interventi esclusivi di riqualificazione energetica. Il secondo tipo di detrazioni fiscali per il risparmio energetico sono valide fino al 31 dicembre 2014; poi, a meno che non siano previste ulteriori proroghe, l’incentivo si abbasserà a partire dal primo gennaio 2015 al 50%. Dunque, se state pensando di sostituire la vostra vecchia caldaia, è questo il momento giusto per approfittarne. Climatek, azienda con sede a Pesaro che si occupa di installazione e manutenzione di impianti di climatizzazione e riscaldamento, è in grado di sostituire la vostra vecchia caldaia domestica in poche ore di lavoro.

Detrazioni per sostituzione caldaia

Tra i diversi modelli di caldaia che permettono di usufruire di detrazioni fiscali per il risparmio energetico indubbiamente quelle a condensazione con valvole termostatiche offrono all’utente di migliorare notevolmente le condizioni di vita all’interno della propria abitazione. Per poter beneficiare degli incentivi l’intervento deve dunque configurarsi come “sostitutivo” e non come nuova installazione; inoltre l’impianto deve avere determinate caratteristiche tecniche come previste dall’ENEA, l’agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. *Campi obbligatori.